utenti ip tracking
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur ad elit.
Morbi tincidunt libero ac ante accumsan.
Associazione Famiglia
e Alzheimer
Vigevano via Bramante, 4 presso Ist. Dè Rodolfi
Tel. 0381/23709 int. 446 Cell. 366/4073888
alzh.vigevano@gmail.com
Vai ai contenuti

Menu principale:

Scatti d'ira

Sentendo delle urla venire dalla cucina, andai a vedere. Mia nipote uscì sbattendo la porta e gridando “Ne ho abbastanza! Me ne torno a casa mia”. Mio marito urlava qualcosa che non capivo e se ne andò in soggiorno, con una espressione di rabbia sul volto. C’era un contenitore di cartone sulla credenza, con la parte superiore tagliata e il latte sparso sul pavimento. Ripulii il tutto e tornai nel soggiorno, dove mio marito mi accolse con un dolce sorriso.

Talvolta il malato di demenza può andare in collera, scaraventare oggetti in giro e urlare. Ciò può essere molto difficile da accettare: possiamo sentirci feriti e amareggiati da quello che sembra un cambiamento di carattere della persona. Inoltre, crisi di rabbia possono creare scompiglio in famiglia: se ci sono dei figli o dei nipoti giovani, essi arrivano talvolta a sentirsi responsabili di ciò che accade. Spesso gli scatti di ira sono esagerati e diretti contro la persona sbagliata - una specie di iper-reattività a piccoli incidenti di percorso (vedi il capitolo "Reazioni violente"). Per il malato di demenza, la rabbia può essere l'unico modo per esprimere qualcosa. Oppure, può sentirsi in collera per averci dovuto chiedere di fare qualcosa che prima riusciva a fare da solo. Tuttavia, anche se la causa della rabbia è sconosciuta, è possibile fare qualcosa per ridurne la frequenza.

______________________________________________________________

Come affrontare gli scatti d’ira

  • Rimanere calmi: non considerarla diretta contro di noi

  • Non prendersela per l'incidente: probabilmente il malato lo dimenticherà molto presto


Come prevenire gli scatti d’ira

  • Cercare di capire il motivo scatenante per evitare che si ripeta

  • Cercare di non intervenire quando non è necessario e non esagerare la gravità dell’accaduto

  • Non assumere un atteggiamento eccessivamente protettivo o impositivo


______________________________________________________________

Come affrontare gli scatti d’ira

Sarà probabilmente difficile mantenere la calma e non considerare la collera diretta contro di noi. Alcuni trovano utile contare fino a dieci prima di rispondere. È però importante ricordare che molto probabilmente la collera è una conseguenza della malattia. Accade di frequente che il malato diventi cordiale e affettuoso pochi minuti dopo aver avuto un’esplosione di rabbia, sia per un brusco cambiamento di umore (vedi il capitolo "Cambiamenti di umore e labilità emotiva") sia perché ha dimenticato l'incidente. Così, se si riesce a distrarre il malato, egli può dimenticare di essersi sentito in collera.


Come prevenire gli scatti d’ira

Cercare di capire il motivo scatenante per evitare che si ripeta

Talvolta è possibile determinare la causa che ha scatenato la collera, pensando ai fatti accaduti prima dell'incidente. Per esempio, se la reazione sembra dovuta al fatto che la persona non riusciva a fare qualcosa, sarà opportuno modificare quel tipo di attività, oppure aiutare la persona, oppure ancora, evitare di metterla nella stessa situazione.
Cercare di non intervenire quando non è necessario e non esagerare la gravità dell’accaduto
Può darsi che la persona malata faccia qualcosa che può sembrare un po' strano, oppure non corretto. La tentazione immediata è quella di fermarla o di sostituirsi a lei per eseguire correttamente l'operazione, qualunque essa sia. Spesso questo non è necessario e può avere come unico risultato quello di mandare in collera il malato.

Cercare di non assumere un atteggiamento eccessivamente protettivo o impositivo

Senza rendersene conto, si può a volte assumere un atteggiamento protettivo o - al contrario - direttivo. Il malato potrebbe fraintendere delle istruzioni utili o dei suggerimenti, prendendoli per ordini o sentirsi trattato come un bambino. Quello che diciamo sembrerebbe corretto a qualunque altra persona, ma il malato può essere più sensibile ai propri problemi e alla sua dipendenza dagli altri. Bisogna allora cercare di formulare le cose in modo diverso. Ad esempio, invece di dire "Adesso mettiti il cappotto", possiamo dire "Ecco il tuo cappotto. Lascia che ti aiuti a indossarlo".

Associazione Famiglia e Alzheimer Vigevano
via Bramante 4 presso Istituto Dè Rodolfi
0381/23709 int. 446 - 366/4073888 - alzh.vigevano@gmail.com
Torna ai contenuti | Torna al menu