utenti ip tracking
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur ad elit.
Morbi tincidunt libero ac ante accumsan.
Associazione Famiglia
e Alzheimer
Vigevano via Bramante, 4 presso Ist. Dè Rodolfi
Tel. 0381/23709 int. 446 Cell. 366/4073888
alzh.vigevano@gmail.com
Vai ai contenuti

Menu principale:

Domande ripetitive


Continuava a chiedermi e richiedermi la stessa cosa e questo certe volte mi faceva uscire dai gangheri: "Quando arriva l’autobus per il centro diurno?", "A che ora si mangia?". Perciò adesso cerco di ricordargli le cose mentre parlo e attacco dei biglietti sulla porta del frigo. Mi fa ancora domande, ma non così di frequente. Io gli rispondo, oppure gli indico il frigorifero.

Quando qualcuno continua a ripeterci la stessa domanda, possiamo pensare che lo faccia apposta per provocare. Nel caso della demenza, è probabile che il malato abbia semplicemente dimenticato di aver già fatto quella domanda e di aver già ricevuto la risposta. La domanda potrebbe essere indice di una sua preoccupazione e quindi di un implicito bisogno di essere rassicurato. Queste domande ripetitive possono essere estremamente stressanti e fastidiose per chi assiste, oltre che frustranti per il malato, in continua attesa di una risposta alla propria ansia.

______________________________________________________________


Come affrontare le domande ripetitive


  • Cercare di rispondere alle domande

  • Insieme alla risposta, cercare di dare sicurezza

  • Ignorare la domanda e andare da un’altra parte


______________________________________________________________


Come affrontare le domande ripetitive

Cercare di rispondere alle domande

Dobbiamo essere noi a valutare se ha senso rispondere alla domanda. Piuttosto che ripetere costantemente la stessa risposta, può essere utile scriverla per poterla mostrare al malato. Non dimentichiamo però che nella demenza la capacità di leggere si va progressivamente deteriorando. Inoltre, le domande ripetitive sono spesso indice di ansia o insicurezza e scrivere la risposta non darà probabilmente la sicurezza che la persona implicitamente richiede.

Insieme alla risposta, cercare di dare sicurezza

Può darsi che il malato ci chieda continuamente l’ora. La ragione può essere la sua preoccupazione di arrivare in ritardo ad un appuntamento: più che sapere l’ora è forse importante essere sicuro di non fare tardi. Di conseguenza, può essere più efficace continuare a rassicurarlo che non è in ritardo, piuttosto che ricordargli continuamente che ore sono.

Ignorare la domanda e andare da un'altra partee

Se nessuno di questi suggerimenti si dimostra efficace, può darsi che l'unica soluzione sia quella di ignorare la domanda. Tuttavia, sebbene questo possa funzionare con alcuni malati, con altri può essere motivo di irritazione. Ad un certo punto, per la propria tranquillità, la miglior cosa da fare è uscire dalla stanza, almeno per qualche minuto.

Associazione Famiglia e Alzheimer Vigevano
via Bramante 4 presso Istituto Dè Rodolfi
0381/23709 int. 446 - 366/4073888 - alzh.vigevano@gmail.com
Torna ai contenuti | Torna al menu