utenti ip tracking
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur ad elit.
Morbi tincidunt libero ac ante accumsan.
Associazione Famiglia
e Alzheimer
Vigevano via Bramante, 4 presso Ist. Dè Rodolfi
Tel. 0381/23709 int. 446 Cell. 366/4073888
alzh.vigevano@gmail.com
Vai ai contenuti

Menu principale:

Comportamento sessuale improprio

Mio padre talvolta mi prende per mia madre e s'infila nel letto con me. La prima volta che accadde ne rimasi veramente sconvolta. Poi ne ho parlato con la psichiatra e mi sono sentita un po' meglio. Adesso quando lui fa così io scendo dal letto ed esco dalla stanza, poi torno e gli dico "Ciao, papà" per ricordargli chi sono senza creargli imbarazzo.
Mentre era in compagnia di altre persone, mia sorella afferrò l'orlo della gonna e se lo tirò sulle spalle. Non sembrava minimamente imbarazzata. Io stavo per dire qualcosa, quando mi resi conto che forse aveva un po' freddo, così le diedi un golf. Lei lasciò andare la gonna e si mise il golf sulle spalle.



Nei malati di demenza non sono particolarmente frequenti i comportamenti sessuali impropri. Ma se questo avviene, le conseguenze sono piuttosto pesanti per tutti. A volte certi comportamenti non sembrano avere un significato sessuale, ma dipendono forse dalla confusione o dal disorientamento. Anche un comportamento di tipo sessuale può essere dovuto alla perdita delle inibizioni, alla ridotta opportunità di esprimersi sessualmente, a un errore nel riconoscere la persona o al bisogno di contatto fisico, di sicurezza e di intimità. Comunque si possono creare imbarazzo e difficoltà. Per molte persone si tratta di un argomento tabù. Il comportamento sessuale improprio è spesso un problema per la persona che assiste, mentre il malato è di solito inconsapevole che il suo comportamento è sconveniente o sgradito. Per tale ragione, questo problema può richiedere dei compromessi con la propria sensibilità.

______________________________________________________________


Come affrontare un comportamento sessuale improprio


  • Cercare di rimanere calmi e non mostrare imbarazzo o collera, perché questo potrebbe portare a una reazione violenta

  • Se il malato si masturba in pubblico: cercare di persuaderlo a fare qualcos'altro, dargli qualcosa con cui giocare, creare un diversivo o allontanarlo dal luogo pubblico o dalla compagnia di altre persone

  • Se il malato fa delle proposte sessuali sconvenienti: cercare di rimanere calmi, informalo con gentilezza che le sue avances non sono gradite o che si è sbagliato, non offendersi e non sentirsi in colpa, parlarne con una persona di fiducia

  • Cercare una possibile spiegazione al comportamento, che potrebbe non essere di natura sessuale


______________________________________________________________________________


Come affrontare un comportamento sessuale improprio

Cercare di rimanere calmi e non mostrare imbarazzo o collera

È importante rimanere calmi quando si è di fronte a un comportamento sessuale improprio. Anche se proviamo un certo imbarazzo, è importante ricordare che questo atteggiamento è una conseguenza della malattia e che il malato non intende impressionare nessuno: ha perso il senso di inibizione e della differenza tra ciò che è socialmente accettabile e ciò che non lo è.

Come comportarsi se il malato si masturba in pubblico

Il malato di demenza che si masturba in pubblico può aver perso le inibizioni, o semplicemente aver dimenticato le comuni regole di convivenza, le quali prevedono che certe cose si facciano in privato. In realtà sta semplicemente facendo ciò che gli piace. Tuttavia, per evitare di creare imbarazzo ad altre persone possiamo cercare di persuaderlo a fare qualcos'altro, distrarlo o dargli qualcosa da tenere in mano, come per esempio un fazzoletto. Se così non funziona, sarà meglio cercare di portarlo via, facendo attenzione che il malato non lo interpreti come una violenza, perché questo potrebbe indurlo ad una reazione violenta (vedi il capitolo "Reazioni violente").


Come comportarsi se il malato fa delle proposte sessuali sconvenienti

Cercare di rimanere calmi e informarlo con gentilezza che le sue avances non sono gradite, spiegandogli che forse si sta sbagliando. Queste avances non vanno prese come un'offesa personale e non dobbiamo sentircene responsabili. È possibile che il malato ci abbia confuso con un'altra persona. Per esempio, un malato di demenza può confondere la propria figlia con la moglie, perché la figlia somiglia alla madre quand'era giovane. Se il malato ci fa una proposta sessuale impropria, è opportuno parlarne con una persona di fiducia, perché queste cose spesso lasciano il segno.

Cercare una possibile spiegazione per il comportamento

Un comportamento che sembra orientato sessualmente può avere in realtà una significato del tutto innocente. Può trattarsi dell'unico modo possibile di comunicare un bisogno, o di gestire una situazione particolare. Se riusciamo a non farci disorientare o turbare dalla natura del comportamento, potremo forse riuscire a capire qual'è il bisogno reale del malato. Per esempio, armeggiare con le dita in un modo che può suggerire la masturbazione, potrebbe rappresentare il tentativo del malato di liberarsi degli indumenti per andare in bagno. Questa potrebbe anche essere la ragione per cui una donna si solleva la gonna, o un uomo cerca di sbottonarsi i pantaloni. Togliersi gli indumenti può essere considerato una forma intollerabile di esibizionismo, mentre in realtà il malato ha caldo e sta cercando di rinfrescarsi, così come toccarsi può riflettere un bisogno di sicurezza, intimità e contatto umano.

Associazione Famiglia e Alzheimer Vigevano
via Bramante 4 presso Istituto Dè Rodolfi
0381/23709 int. 446 - 366/4073888 - alzh.vigevano@gmail.com
Torna ai contenuti | Torna al menu